Parchi del Ducato
Ente di Gestione per i Parchi e la Biodiversità Emilia Occidentale
Parco dello Stirone e del Piacenziano
Home » Aree Protette » Parco dello Stirone e del Piacenziano » Il Parco... da vivere » Uffici, Centri visita, musei e altre strutture

Centro Recupero Animali Selvatici (C.R.A.S.) Le Civette

Loc. San Nicomede, 29
43039 Salsomaggiore Terme (PR) | Localizza sulla mappa
Comune: Salsomaggiore Terme  Regione: Emilia-Romagna

Tel. 0524/588683
E-mail: craslecivette@parchiemiliaoccidentale.it

Il Centro Recupero Animali Selvatici (C.R.A.S.) "Le Civette" è una struttura destinata alla riabilitazione e al reinserimento in natura di uccelli selvatici in difficoltà, con particolare riguardo ai rapaci diurni e notturni.
Oltre ai rapaci, le specie di cui si occupa sono quelle indicate negli elenchi della Legge 157, art 2, comma 1 e quelle elencate nell'All. 1 della Direttiva 2009/147/CE concernente la conservazione degli uccelli selvatici.
Istituito dalla Provincia di Parma nel 2005 e gestito direttamente dal Parco, svolge attività di soccorso dell'avifauna selvatica autoctona prevalentemente sul territorio delle province di Parma e Piacenza.

La sede del CRAS si trova nel comune di Salsomaggiore Terme (PR), in località San Nicomede, presso il podere "Millepioppi", che ospita il punto di accoglienza degli animali, le voliere di riabilitazione, le voliere di rilascio.
Il podere "Millepioppi" è un'area confiscata alla criminalità con la stessa legge che sequestra i beni alla mafia, per cui il Parco dello Stirone e del Piacenziano ha avviato una stretta collaborazione con LIBERA, la rete di associazioni che promuove la legalità a tutti i livelli; il CRAS ospita quindi campi di volontariato per giovani e partecipa con LIBERA alle azioni in favore della lotta a tutte le mafie, condividendone le motivazioni. L'area didattica, visitabile dal pubblico e dalle scuole, che possono usufruire di specifici pacchetti didattici, è stata intitolata, a conferma di questa collaborazione, a una vittima di mafia: Renata Fonte, assessore del Comune di Nardò (LE), assassinata nel 1984 per aver voluto difendere un parco naturale.
Il CRAS "Le Civette" ospita ogni anno 350-400 uccelli in difficoltà, rilasciandone in natura oltre la metà: un ottimo risultato, se si considera che la quasi totalità degli animali ricoverati non sarebbe stata in grado di sopravvivere senza le cure del personale tecnico e veterinario del Centro. Tutti possono contribuire al funzionamento della struttura, con le offerte derivanti dai biglietti di ingresso e dai servizi per le scuole, ma anche adottando un animale a distanza, o partecipando direttamente alle attività del CRAS, dopo aver frequentato specifici corsi per volontari.
  
Per i piccoli mammiferi è possibile rivolgersi direttamente al C.R.A.S. del Parco Boschi di Carrega.

C.R.A.S. Le Civette
C.R.A.S. Le Civette
 
Area didattica - Voliera
Area didattica - Voliera
 
Piccole civette
Piccole civette