Parchi del Ducato
Ente di Gestione per i Parchi e la Biodiversità Emilia Occidentale
Parco Fluviale del Taro
Home » Aree Protette » Parco Fluviale del Taro » Il Parco... da vivere

Nolobike nel Parco

Punto noleggio biciclette alla Corte di Giarola

Pedalare nel Parco del Taro non richiede particolare allenamento!
La pista ciclabile di Collecchio collega, senza dislivelli, il centro abitato alla Corte di Giarola (circa 4 km). Dalla Corte, dove si trova il servizio noleggio biciclette, la pista ciclabile porta all'edificio monastico di Oppiano, antico punto di sosta dei pellegrini che percorrevano il fondovalle diretti a Fornovo, lungo la Via Francigena. Si può poi proseguire per la frazione di Gaiano: qui c'è la possibilità di connettersi con la ciclovia dei Boschi di Carrega. L'ambiente è rurale, senza traffico, fra siepi, filari di gelsi ed esemplari di querce o di noci isolati fra i campi. In alternativa si puo' proseguire in direzione Fornovo, verso il Museo Guatelli nella frazione di Ozzano Taro. Sempre dalla Corte di Giarola un secondo percorso, più adatto alla mountain bike, su sentiero movimentato e più "avventuroso", ma senza salite, giunge anch'esso ad Oppiano e prosegue in ambiente fluviale in direzione Fornovo.

Punto noleggio presso il Centro Visite del Parco: biciclette da cicloturismo e mountain bike, disponibili anche biciclette per bambini. Per informazioni contattare il numero 0521 802688 dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 13.00. Servizio attivo nei fine settimana i sabati e le domeniche pomeriggio dalle 10.00 alle 18.00 da Marzo a Novembre. Stagioni consigliate: primavera e autunno.

Costi noleggio: 3 euro per mezza giornata, 5 euro giornata intera.

Il noleggio è gratuito per i gruppi o le classi in visita guidata nei giorni festivi e feriali.

Scarica il PDF regolamento e il modulo per il noleggio biciclette. Il territorio del Parco fa parte della rete di percorsi delle Ciclovie dei Parchi, promosse dalla Regione Emilia Romagna.

Percorso in bicicletta
(foto di PR Taro)
Vecchie biciclette al Museo Guatelli
(foto di Museo Guatelli)