Parchi del Ducato
Ente di Gestione per i Parchi e la Biodiversità Emilia Occidentale
Parco Fluviale del Taro
Home » Aree Protette » Parco Fluviale del Taro » Il Parco... da vivere

Pesca e raccolta funghi

Si può vivere il Parco anche pescando o raccogliendo funghi, apprezzando la bellezza e la naturalità dei luoghi.

Per la pesca è necessario munirsi dell'idonea licenza. 
La pesca è consentita con il sistema "cattura e rilascio" e in conformità con le norme provinciali e regionali.
Le zone di pesca sono delimitate da tabelle che indicano la regolamentazione vigente. 

La pesca è vietata nei seguenti bacini:

  • Le Chiesuole, Collecchio
  • Laghi di Medesano, Lago Sud e Lago Nord delle Scalie
  • Ex Cava Cà Taro, Collecchio
  • Zone umide di Riccò, Fornovo

La raccolta funghi è consentita a chi è fornito dell'idoneo tesserino, che può essere richiesto nei Comuni della Provincia di Parma e nelle sedi dell'Ente di Gestione.
Il tesserino è valido in tutta la Provincia (escluse le Comunità Montane) ed ha la durata di sei mesi.
La raccolta dei funghi nella Regione è regolata dalla L.R. n. 6 del 2/4/2006

Barbo
(foto di PR Taro)